English Version
 
HOME GALLERIA NOTE BIOGRAFICHE MOSTRE PUBBLICAZIONI WORKSHOP LINK CONTATTI   
 
 
SICILIA (2010-12)
 
SCANNO (2012)
Un meraviglioso paese nel parco nazionale d'Abruzzo dove divers igrandi fotografi hanno colto immagini storiche......continua
 
METABUS (2012)
Paesaggi montani metafisici fotografati sul un pulman......continua
 
SOLARIS (2012)
Agosto 2011, di nuovo in Russia. Togliattigrad e' una citta' che si affaccia sul fiume Volga, a circa 800 km a est di Mosca: qui ero stato invitato insieme a Massimo Bersani, per tenere dei masterclass e per alcune nostre mostre fotografiche tra cui la presentazione del mio ultimo lavoro "Dream in a Mirror".
Dopo alcuni giorni gli organizzatori ci accompagnarono all'ennesima inaugurazione con autori russi per commentare la mostra ai giornalisti presenti dopo averla visitata. Questa volta, però, il luogo che la ospitava non mi lasciò indifferente come quelli precedenti. Era la sede di un circolo per artisti chiamato "Solaris", in onore di un vecchio film del regista Tarkovski......Continua
 
DREAM IN A MIRROR (2009-11)
Si dice che un sogno duri soltanto poco più di un attimo e tuttavia in quell'attimo un uomo può soffrire, gioire, vivere o rivivere una vita. Questo lavoro rappresenta un viaggio attraverso il sogno, un sogno che comincia in uno specchio e finisce in un altro specchio. Rappresenta un viaggio alla ricerca della propria spiritualità, del proprio essere, attraverso quattro sequenze: Passaggio, Viaggio, Rivelazioni e Ritorno. Un sogno è un fenomeno illogico e simbolico, così ogni immagine di questo lavoro rappresenta un tassello, un flashback che porta alla sviluppo di questo viaggio di ricerca.  E' un sogno per immagini dove ognuno di noi può immaginare un proprio viaggio, il viaggio della propria ricerca interiore, che forse è il viaggio più lungo che si possa iniziare.......Continua
 
INNER PORTRAITS (2007)
Situazioni fiabesche, atmosfere surreali, forse l'ambiente sconosciuto, le note musicali di quel cd, quella strana e speciale sintonia con queste persone. Un cocktail a volte essenziale per poter fissare in pochi momenti le immagini dal proprio inconscio.......Continua
 
SOGLIE VISIVE (2000-5)
‘Soglie visive’ è un lavoro che si rispecchia in una tematica ben nota e largamente discussa in fotografia: la percezione soggettiva della visione - o meglio: la rappresentazione del proprio modo di vedere attraverso il medium fotografico.
L’autore sviluppa questa riflessione attraverso un percorso intimistico: riflettendo su se stesso nel tentativo di darsi delle risposte a domande esistenziali - sul proprio significato, sulle proprie paure e speranze - ci porta a conoscenza della sua personale rappresentazione di questi temi.
Il risultato di tale ricerca sono delle immagini a più dimensioni, che l’osservatore può interpretare come qualcosa che emerge dal proprio mondo interiore, riconoscendo perciò inconsciamente l’origine che ha portato a creare queste risposte.
Il lavoro è suddiviso in 4 sequenze, divise sulla base di queste interrogazioni, ed è composto da più di 40 immagini
.......Continua
 
LA PERCEZIONE DEI LUOGHI (2000)
Questo lavoro si traduce in una ricerca continua di situazioni e luoghi nei quali il confine tra subconscio e ricordi frammentari della memoria si fa sempre più sottile.......Continua
 
STATES OF MIND (1999)
'States of mind' è forse il primo lavoro di sperimentazione che S.B. utilizza per esprimere, attraverso la fotografia, un argomento di difficile approccio, raccontare una parte di se stesso, non solo utilizzando il mezzo fotografico, ma anche la riproduzione di una fotocopiatrice.
Stefano cosi si introduce verso un' introspezione ed analisi di alcuni stati d'animo, utilizzando direttamente parti del proprio corpo, modificato dal movimento della fotocopiatrice stessa.
Ha stampato questo lavoro solo nel 2005, con la tecnica del tampone e come tampone ha utilizzato le sue dita, nel tentativo di imprimere maggiormente sulla carta fotografica i suoi "states of mind", anche al di là dello scatto fotografico.
.......Continua
 
LUOGHI D'ARTE (1997)
Nei luoghi espositivi si respira un'aria particolare, si avverte una forma di rispetto e di contemplazione dell' oggetto, nel tentativo di carpirne l'essenza. In queste immagini ho tentato di interpretare il rapporto tra oggetto e fruitore, cercando di coglierne i momenti più intimi portandoli sulla stessa dimensione.......Continua
 
MILANO (1995)

......Continua
 
ARLES (1994)

.......Continua

 
 
Copyright © Stefano Bernardoni - Tutti i diritti riservati - Sept.2000/2013